LE COSTELLAZIONI

Le costellazioni

Giunti alla fine del nostro piccolo viaggio nell'universo ci soffermeremo ad osservare le costellazioni ovvero i gruppi di stelle  che vediamo di notte nel cielo utili per tracciare una mappa del cielo. L'Unione Astronomica Internazionale ha catalogato ben 88 costellazioni che coprono l'intero cielo settentrionale e meridionale. Vediamo una selezione delle costellazioni più familiari e facilmente visibili nel cielo settentrionale.

In che modo le costellazioni hanno preso il loro nome?

La maggior parte dei nomi delle costellazioni sono di origine latina, risalenti all'impero romano, ma i loro significati spesso hanno avuto origine nel lontano passato della civiltà umana. Lo scorpione, ad esempio, ricevette il nome dalla parola latina che designa l'animale, ma antichi geroglifici egizi risalenti al 3000 a.C. ci confermano che già a quesi tempi la costellazione era consociuta  come "Ip", il re scorpione. Orion, il cacciatore, ha un nome greco, ma era stato visto come una figura di cacciatore-eroe fin dai tempi dell'antica Babilonia. Naturalmente, molti dei nomi delle costellazioni sono più moderni come ad esempio quella del telescopio, che è stato inventato solo in tempi recenti.  In effetti, nel diciannovesimo secolo il cielo notturno era diventato affollato di confini e nomi di costellazioni sovrapposte e spesso contraddittorie mentre diverse scuole di astronomia preparavano le loro versioni delle mappe stellari. Per chiarire la confusione, nomi e confini furono "ufficialmente" individuate 88 costellazioni dall'Unione Astronomica Internazionale nel 1930, fornendo una copertura completa dell'intero cielo.

 

In che modo i segni zodiacali si relazionano con l'astronomia?

Sebbene molte persone inizino i loro giorni controllando il loro oroscopo sul giornale, le 12 costellazioni dello zodiaco non sono più importanti per gli astronomi delle altre 76 costellazioni. Il significato dello zodiaco deriva dal fatto che l'eclittica - lo stretto sentiero nel cielo che il Sole, la Luna e i pianeti sembrano seguire - scorre direttamente attraverso questi raggruppamenti di stelle. Sin dai tempi antichi, il Sole, la Luna e i pianeti sono stati conosciuti come speciali oggetti astronomici - "vagano" attraverso le stelle di sfondo dello zodiaco, che rimangono fisse l'una rispetto all'altra. Si pensava che queste costellazioni zodiacali dovevano essere speciali per tracciare questo percorso, e le posizioni relative delle "stelle erranti" al loro interno avevano una grande importanza. La vera astronomia scientifica ha le sue radici nei tentativi degli antichi astrologi di prevedere eventi futuri, per esempio, di Giove imperiale e del pianeta rosso sangue di Marte che si incontreranno all'interno del toro in carica del Toro - un presagio potenzialmente potente per coloro che credevano che i dei che adoravano fossero rappresentati dai pianeti o le costellazioni che ne portavano il nome.

Origine delle costellazioni

Da quando le persone hanno vagato per la prima volta sulla Terra, grande importanza è stata data agli oggetti celesti visti nel cielo. Nel corso della storia umana e in molte culture diverse, nomi e storie mitiche sono stati attribuiti ai motivi a stella nel cielo notturno, dando così vita a ciò che conosciamo come costellazioni.
Quando sono state registrate le prime costellazioni? Studi archeologici hanno identificato possibili segni astronomici dipinti sulle pareti del sistema delle grotte di Lascaux, nel sud della Francia. I nostri antenati potrebbero aver registrato la loro visione del cielo notturno sulle pareti della loro caverna circa 17.300 anni fa. Si pensa che l'ammasso stellare delle Pleiadi sia rappresentato accanto al vicino ammasso delle Iadi. Ipotizziamo quindi che la prima rappresentazione in assoluto di un motivo a stella è stata fatta più di diciassette millenni fa. 
 
Oltre la metà delle 88 costellazioni che la IAU riconosce oggi sono attribuite all'antica Grecia, che ha riportato le originali scoperte precedenti degli antichi babilonesi, egiziani e assiri. Quarantotto delle costellazioni che conosciamo furono registrate nel settimo e ottavo libro di Almagesto di Tolomeo, sebbene l'origine esatta di queste costellazioni rimanga ancora incerta. Le descrizioni di Tolomeo sono probabilmente fortemente influenzate dal lavoro di Eudosso di Knidos intorno al 350 a.C. Tra il XVI e il XVII secolo d.C., astronomi e cartografi celesti europei aggiunsero nuove costellazioni alle 48 precedentemente descritte da Tolomeo; queste nuove costellazioni erano principalmente "nuove scoperte" fatte dagli europei che per primi esplorarono l'emisfero meridionale. Coloro che hanno dato un contributo particolare alle "nuove" costellazioni includono l'astronomo tedesco di origine polacca Johannes Hevelius; tre cartografi olandesi, Frederick de Houtman, Pieter Dirksz Keyser e Gerard Mercator; l'astronomo francese Nicolas Louis de Lacaille; il mapmaker fiammingo Petrus Plancius e il navigatore italiano Amerigo Vespucci.
 

VUOI SAPERNE DI PIU? VIENI A PROVARE L'ESPERIENZA COSMO ACADEMY CON HARF A VALMONTONE E VISITA I PARCHI DIVERTIMENTO 

Puoi avere il libro di Cosmo Academy e tante soprese mentre ti diverti con tutta la famiglia ai parchi divertimenti del Lazio