LA GALASSIA GIRANDOLA DEL SUD

La galassia Girandola del Sud

La fotocamera progettata per rivelare i segreti più profondi del nostro universo cattura la galassia girandola meridionale  del sud Messier 83 con dettagli spettacolari.
Soprannominata la girandola meridionale, Messier 83 (o NGC 5236) è una splendida galassia a spirale faccia a faccia situata a circa 15 milioni di anni luce di distanza nella costellazione meridionale dell'Idra. Le sue braccia a spirale sono fiancheggiate da strisce scure di polvere e punteggiate da nuvole rossastre di idrogeno gassoso che formano stelle. A volte indicata come la galassia Pinwheel meridionale, M83 ha un aspetto simile a M101, la galassia Pinwheel, ma si trova nel cielo meridionale. A circa 55.500 anni luce di diametro, l'M83 è poco più della metà delle dimensioni della nostra galassia, la Via Lattea, con una struttura complessiva simile.
Come la Via Lattea, la maggior parte delle stelle, polvere e gas di M83 giacciono in un disco sottile decorato con grandi bracci a spirale. Vediamo il disco di M83 quasi frontalmente (mentre vediamo il disco della Via Lattea di bordo poiché siamo al suo interno). I bracci a spirale sono luoghi in cui il disco è un po 'più denso, con più stelle e gas e tassi più elevati di formazione stellare. Dove c'è formazione stellare, ci sono più stelle molto luminose e di breve durata e molta polvere (verde e rossa in questa immagine a infrarossi). M83 è indicata come una galassia a spirale barrata, perché il suo rigonfiamento centrale di stelle e polvere ha una componente che è approssimativamente sferica e una componente che ha la forma di una barra.
 

Messier 83, o la girandola meridionale, si trova nella costellazione meridionale dell'Idra ed è un obiettivo ovvio per una bellissima immagine astronomica. È orientato in modo che sia quasi interamente rivolto verso l'alto visto dalla Terra, il che significa che possiamo osservare la sua struttura a spirale con dettagli fantastici. La galassia si trova a circa 15 milioni di anni luce di distanza, il che la rende una vicina in termini astronomici. Ha un diametro di circa 50.000 anni luce, quindi è un po 'più piccolo rispetto alla nostra Via Lattea, che ha un diametro di 100.000-200.000 anni luce. In altri modi, tuttavia, la girandola meridionale fornisce probabilmente una buona approssimazione di come la nostra Via Lattea apparirebbe a una lontana civiltà aliena.
 
Sei diversi filtri sono stati utilizzati su DECam per creare questa nuova spettacolare visione di una bellezza classica. I filtri consentono agli astronomi di selezionare le lunghezze d'onda della luce in cui desiderano vedere il cielo. Questo è fondamentale per le osservazioni scientifiche, quando gli astronomi richiedono informazioni molto specifiche su un oggetto, ma consente anche di creare immagini colorate come questa.
 
Osservare oggetti celesti, come la girandola meridionale, con diversi filtri diversi significa che è possibile individuare dettagli diversi. Ad esempio, i viticci oscuri che si avvolgono nella galassia sono in realtà corsie di polvere, che bloccano la luce. Al contrario, i punti rossi luminosi raggruppati sono causati da gas idrogeno incandescente e caldo (che li identifica come hub di formazione stellare). Le scie polverose e il gas ionizzato dinamico hanno temperature diverse e sono quindi visibili a diverse lunghezze d'onda. I filtri consentono di osservare entrambi separatamente e quindi combinarli in un'unica immagine complessa. In tutto, 163 esposizioni DECam, con un tempo di esposizione totale combinato di oltre 11,3 ore, sono state utilizzate per creare questo ritratto di Messier 83.
Le osservazioni di Messier 83 fanno parte di un programma in corso per produrre un atlante di fenomeni variabili nel tempo nelle vicine galassie meridionali in preparazione per il Legacy Survey of Space and Time dell'Osservatorio Rubin.
 
Costruito dal Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti (DOE), DECam è montato sul telescopio da 4 metri Víctor M. Blanco al CTIO in Cile. DECam è un potente strumento che utilizza 74 dispositivi ad accoppiamento di carica (CCD) altamente sensibili per acquisire immagini. I CCD sono gli stessi dispositivi utilizzati per scattare foto nei telefoni cellulari di tutti i giorni. Naturalmente, i CCD in DECam sono molto più grandi e sono stati progettati specificamente per raccogliere luce rossa molto debole da galassie lontane. Questa capacità era cruciale per lo scopo originale di DECam, il Dark Energy Survey.
 
Questa ambiziosa indagine ha sondato una delle domande fondamentali dell'Universo: perché il nostro Universo non solo si sta espandendo, ma si sta espandendo a un ritmo accelerato? Per sei anni DECam ha esaminato i cieli, immaginando le galassie più lontane per raccogliere più dati per consentire agli astronomi di indagare ulteriormente sul nostro universo in accelerazione. Scattare belle immagini come questa deve sembrare molto più semplice per DECam.
 
"Sebbene DECam abbia raggiunto il suo obiettivo originale di completare il Dark Energy Survey, continua a essere una risorsa preziosa per la comunità astronomica, catturando ampie vedute di oggetti come Messier 83 che deliziano i sensi e fanno avanzare la nostra comprensione dell'Universo" Chris Davis, direttore del programma per NOIRLab presso la National Science Foundation.
 

Puoi avere il libro di Cosmo Academy e tante soprese mentre ti diverti con tutta la famiglia ai parchi divertimenti del Lazio