I RAZZI SOYUZ RUSSI

I razzi russi della Soyouz     

Soyuz in cirillico russo si scrive " Союз" e  significa "unione". Si caratterizza per una famiglia di sistemi di lancio sacrificabili sviluppata da OKB-1 e prodotta dal Progress Rocket Space Center di Samara, in Russia. Con oltre 1700 voli dal suo debutto nel 1966, il Soyuz è il veicolo di lancio più utilizzato al mondo. 
Quando il programma Space Shuttle degli Stati Uniti è terminato nel 2011, i razzi Soyuz sono diventati gli unici veicoli di lancio in grado di trasportare gli astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale.
I veicoli Soyuz vengono utilizzati come vettori per la navicella spaziale Soyuz con equipaggio nell'ambito del programma Soyuz, nonché per lanciare veicoli spaziali senza fili Progress nella Stazione Spaziale Internazionale e per lanci commerciali commercializzati e gestiti da Starsem e Arianespace. Tutti i razzi Soyuz usano il propellente RP-1 e ossigeno liquido (LOX), ad eccezione del Soyuz-U2, che utilizzava Syntin, una variante di RP-1, con LOX. La famiglia Soyuz è un sottoinsieme della famiglia R-7.
 
 

La Soyuz un cavallo spaziale infaticabile 

Il lanciatore Soyuz fu introdotto nel 1966, derivato dal lanciatore Vostok, che a sua volta era basato sul missile balistico intercontinentale 8K74 o R-7a. Inizialmente era un razzo a tre stadi con un livello superiore del Blocco I. Successivamente fu prodotta una variante Molniya aggiungendo un quarto stadio, che gli consentì di raggiungere un'orbita altamente ellittica. Una variante successiva fu la Soyuz-U.  La produzione di lanciatori Soyuz ha raggiunto un picco di 60 all'anno nei primi anni '80. È diventato il lanciatore spaziale più usato al mondo, volando oltre 1700 volte, molto più di qualsiasi altro razzo. Nonostante la sua età e forse grazie alla sua semplicità, questa famiglia di missili è stata nota per il suo basso costo e l'elevata affidabilità.
 

All'inizio degli anni '90 furono fatti piani per una Soyuz ridisegnata con un livello superiore di architettura e l'utilizzo del motore Fregat. Questo motore è stato sviluppato da NPO Lavochkin dal modulo di propulsione delle sue sonde interplanetarie Phobos. Sebbene approvato dall'agenzia spaziale russa e dal Ministero della Difesa russo nel 1993 e designato "Rus" come russificazione e modernizzazione di Soyuz, e in seguito ribattezzato Soyuz-2, una carenza di finanziamenti ha impedito l'attuazione del piano. La creazione di Starsem nel luglio 1996 ha fornito nuovi finanziamenti per la creazione di una variante meno ambiziosa, la Soyuz-Fregat o la Soyuz U / Fregat. Consisteva in una Soyuz U leggermente modificata combinata con lo stadio superiore di Fregat, con una capacità fino a 1.350 kg all'orbita di trasferimento geostazionaria. Nell'aprile 1997, Starsem ottenne un contratto dall'Agenzia spaziale europea per il lancio di due coppie di satelliti per la scienza del plasma del Cluster 2 usando la Soyuz-Fregat. Prima dell'introduzione di questo nuovo modello, Starsem ha lanciato 24 satelliti della costellazione Globalstar in 6 lanci con una fase superiore riavviabile Ikar, tra il 22 settembre 1999 e il 22 novembre 1999. Dopo aver superato con successo i voli di prova di Soyuz-Fregat il 9 febbraio 2000 e il 20 marzo 2000, i satelliti Cluster 2 sono stati lanciati il ​​16 luglio 2000 e il 9 agosto 2000. Un altro Soyuz-Fregat ha lanciato la sonda Mars Express dell'ESA da Baikonur nel giugno 2003. Ora il lanciatore Soyuz-Fregat viene utilizzato da Starsem per trasporti commerciali.Un lanciatore di Soyuz è decollato dallo spazioporto europeo nella Guiana francese il 21 ottobre 2011. Questo è stato un evento storico perché è stata la prima volta che un Soyuz è stato lanciato da un porto spaziale diverso da Baikonur o Plesetsk. Ha anche segnato una pietra miliare nella cooperazione strategica tra Europa e Russia sui razzi lanciatori.

Collaborazione Europa Russia 

La decisione di sviluppare l'infrastruttura di lancio per consentire il lancio di Soyuz dalla Guyana francese è stata di reciproco interesse sia per l'Europa che per la Russia e ha beneficiato dei finanziamenti della Comunità europea. Il Soyuz è un razzo lanciatore di classe media. Le sue prestazioni completano perfettamente quelle dei lanciatori ESA Ariane e Vega e aumentano la competitività e la flessibilità dello sfruttamento dei lanciatori Ariane nel mercato commerciale.
Il veicolo di lancio di Soyuz utilizzato nello spazioporto europeo è la versione Soyuz-2 chiamata Soyuz-ST. Ciò include la fase superiore Fregat e la carenatura ST. Soyuz-2 è la versione più recente della famosa famiglia di lanciatori russi che ha iniziato la corsa allo spazio più di 50 anni fa lanciando Sputnik, il primo satellite messo in orbita, e quindi inviando il primo uomo nello spazio. Soyuz-2 ha migliorato le prestazioni ed è in grado di trasportare fino a 3 tonnellate in orbita di trasferimento geostazionario, rispetto alle 1,7 tonnellate che possono essere lanciate da Baikonur, in Kazakistan.
Le indagini geologiche e topografiche sono iniziate nel sito selezionato per Soyuz nel 2003. Il sito, chiamato ELS, si trova 13 km a nord-ovest del sito di lancio di Ariane ed è costituito da tre zone principali: la piattaforma di lancio, l'area di preparazione (MIK), dove i tre le fasi sono assemblate in orizzontalee controllate, e il centro di controllo del lancio.
La costruzione della fossa antincendio, della piattaforma di lancio, del MIK e del centro di controllo è stata completata alla fine del 2008. Il MIK è collegato alla piattaforma di lancio da una ferrovia di 700 metri, che viene utilizzata per trasportare il lanciatore in posizione orizzontale . Il centro di controllo del lancio si trova a un chilometro dalla piattaforma di lancio.
Volo spaziale umano
Il razzo Soyuz è il cavallo di battaglia per le missioni spaziali umane russe ed è stato utilizzato a tale scopo più a lungo di qualsiasi altro veicolo. Negli anni '60 iniziò a trasportare cosmonauti nello spazio e poi nelle stazioni sovietiche di Salyut e Mir. Insieme allo US Space Shuttle, assicura il trasporto di equipaggi da e verso la Stazione Spaziale Internazionale.
Per garantire che Soyuz sarà in grado di svolgere missioni di questo tipo dallo spazioporto europeo, l'infrastruttura di lancio è stata progettata in modo tale da poter essere adattata senza problemi al volo spaziale umano, qualora ciò fosse deciso.
 

Puoi avere il libro di Cosmo Academy e tante soprese mentre ti diverti con tutta la famiglia ai parchi divertimenti del Lazio