BIOPARCO DI ROMA

Il Bioparco zoo di Roma

 
Si tratta dell'antico giardino zoologico di Roma, situato proprio nel cuore della capitale all’interno di Villa Borghese. Ospita oltre 200 specie animali fra mammiferi, uccelli, rettili e anfibi provenienti da tutto il mondo, tra cui tigri di Sumatra, leoni, orsi, oranghi, draghi di Komodo, scimpanzè, lemuri catta, che stimoleranno la vostra curiosità. Il Biuoparco di Roma è perfettamente incastonato nell'area di Vialla Borghese, una  tra le ville romane più ricche di testimonianze artistiche e paesaggistiche. Al suo interno racchiude edifici, sculture, monumenti e fontane, opera di illustri artisti dell'arte barocca, neoclassica ed eclettica, contornati da alberi secolari, laghetti, giardini all'italiana e grandi spazi liberi. Comprende una gran quantità di specie sempreverdi, tra cui lecci e platani (alcuni risalenti al primitivo impianto), pini domestici con esemplari bicentenari, abeti, cedri. Tra gli arbusti sono comuni l'alloro e il bosso.
 
Tra le aree presenti al Bioparco, la Grande Voliera in acciaio inossidabile, che con la sua forma geodetica permette anche agli uccelli più grandi di poter volare a lungo, e il Rettilario, che ricrea un ambiente tropicale a cielo aperto, tra cascate e alberi, e una foresta pluviale, entrambe realizzate negli anni '30 dall’architetto Raffaele De Vico.
 
Il Bioparco possiede una ricca collezione botanica. L'impianto originale, principalmente composto da specie mediterranee, è stato arricchito con centinaia di specie esotiche a partire dal 1911, anno di nascita del parco. Tra le piante ospitate si possono ammirare alcuni esemplari non comuni come l’Araucaria bidwilli e il Liriodendron tulipifera, o alcune specie di palme come la Phoenix dactylifera, P. reclinata, la Butia capitata e la Jubaea chilensis.
 
Il Bioparco offre un’imperdibile occasione per godere di una natura insolita e selvaggia proprio nel centro di Roma, capitale dall’inestimabile patrimonio storico, artistico e culturale. Nei suoi 17 ettari, tanti anche gli spazi dedicati alle attività di svago e a quelle didattiche, come i caffè, le librerie e i ristoranti, o l’Oasi del Lago, un’area verde di 1.200 mq con laghetto artificiale, area pic-nic e area giochi all’aperto.
 
Le modalità di visita sono molteplici, a piedi o trasportati da un trenino, così come varia è la scelta dei percorsi.

 

 

Il Bioparco è diviso in Aree ognuna delle quali ospita le exhibit degli animali. Vediamo quali sono.

 
L’area delle tigri di Sumatra, inaugurata il 25 giugno 2015, si estende per circa 1.000 mq complessivi, compresi i ricoveri interni, superficie più che raddoppiata rispetto all’originaria area realizzata ai primi del 900 dall’architetto Carl Hagenbeck.
 
L’area dei gufi, dedicata ai rapaci notturni, che ospita due gufi delle nevi e due gufi reali.
 
L’area degli oranghi, naugurata a marzo 2014, è caratterizzata da un ampio spazio esterno di 320 mq con un’altezza massima di 6.00 m ed una cubatura di oltre 1.600 mc.
 
L’exhibit dei Draghi di Komodo che si trova all’esterno del Rettilario, vicino all’area degli Scimpanzé.
 
L’area delle scimmie piu’ piccole del mondo dedicata ai Tamarini Imperatore, ai Tamarini Edipo e agli Uistitì pigmei.
 
Il Rettilario del Bioparco ovvero un Centro di conservazione per rettili, anfibi e invertebrati con l'obiettivo di sensibilizzare i visitatori sulla tematica del commercio illegale di fauna e flora.
 
La Grande Voliera, realizzata nel 1935 dall’architetto De Vico, è interamente in acciaio inossidabile ed è unica per la sua forma geodetica che permette anche agli uccelli più grandi di poter volare a lungo senza sosta.
 
La Valle degli orsi; si tratta di  una delle aree più grandi del Bioparco di Roma, con i suoi 3500 mq realizzata nel 2000.
 
Il Villaggio degli Scimpanzé che contiene la nuova area degli Scimpanzé, inaugurata nel 2001, ha visto la realizzazione di un exhibit polifunzionale, di circa 2450mq, ubicato nella zona compresa tra la Grande Voliera ed il Rettilario.
 
L’area dei lemuri catta che  si estende per 600 mq ed ospita un gruppo di questi primati, a serio rischio di estinzione, che vivono unicamente in Madagascar.
 
La casa delle Giraffe, creata nel 1926, in perfetto stile moresco e decapitata negli anni ’70 della suggestiva cupola in metallo verde smeraldo, è stata restaurata ed adeguata tecnologicamente.
 
L’area dei Leoni Asiatici dedicata a questi magnifici felini nasce dal restauro conservativo dell’antica struttura dei leoni realizzata da Carl Hagenbeck nel 1911.
 
L’Oasi del Lago, caratterizzata da  un’area attrezzata per il pic nic ed il divertimento dei bambini che si sviluppa intorno ad un laghetto.
 
Per parcheggiare non ci sono problemi, esistono numerose aree parcheggio nell'area di Villa borghese in relazione alle due entrate principali.