ASTEROIDE - PIANETA NANO CERERE

Cerere, asteroide o pianeta nano?  

L' Asteroide ( o Pianeta nano)  Cerere è il più grande oggetto nella fascia di asteroidi tra Marte e Giove e l'unico pianeta nano situato nel sistema solare interno. Fu il primo membro della cintura di asteroidi ad essere scoperto quando Giuseppe Piazzi lo individuò nel 1801. Successivamente fu visitato dalla navicella Dawn 2015, così Cerere divenne il primo pianeta nano a ricevere una visita da un'astronave.
Chiamato asteroide per molti anni, Cerere è molto più grande e così diverso dai suoi vicini rocciosi che gli scienziati lo hanno classificato come un pianeta nano nel 2006. Anche se Cerere comprende il 25 percento della massa totale della cintura di asteroidi, il planetoide Plutone è 14 volte più massiccio.
Cerere prende il nome dalla dea romana del mais e dei raccolti così come la parola ceereale ( quella che mangi nel latte ogni giorno) ha la stessa derivazione.
 

Dimensioni e distanza di Cerere

Con un raggio di 476 chilometri (476 chilometri), Cerere è 1/13 del raggio della Terra. Se la Terra avesse le dimensioni di un nichel, Cerere sarebbe grande quanto un seme di papavero.
Da una distanza media di 413 milioni di chilometri, Cerere dista 2,8 unità astronomiche dal sole. Un'unità astronomica (abbreviata come AU), è la distanza dal sole alla Terra. Con questo parametro possiamo dire che  ci vogliono 22 minuti di luce solare per viaggiare dal sole a Cerere.
Orbita e rotazione
Cerere impiega 1.682 giorni terrestri, o 4,6 anni terrestri, per compiere un viaggio intorno al sole. Mentre Cerere orbita attorno al sole, completa una rotazione ogni 9 ore, rendendo la sua lunghezza del giorno una delle più brevi del sistema solare.  L'asse di rotazione di Cerere è inclinato di soli 4 gradi rispetto al piano della sua orbita attorno al sole. Ciò significa che gira quasi perfettamente in posizione verticale e non vive stagioni come fanno altri pianeti più inclinati.
Formazione
Cerere si formò insieme al resto del sistema solare circa 4,5 miliardi di anni fa quando la gravità lo formò dalle polveri e ceveri per farlo doventare un piccolo pianeta nano. Gli scienziati descrivono Cerere come un "pianeta embrionale" o proto-pianeta, il che significa che ha iniziato a formarsi ma non è del tutto finito. La forte gravità di Giove e di Nettuno nelle vicinanze gli ha impedito di diventare un pianeta completamente formato. Circa 4 miliardi di anni fa, Cerere si stabilì nella sua posizione attuale tra i rimanenti pezzi di formazione planetaria nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove.
Struttura
Cerere è più simile ai pianeti terrestri (Mercurio, Venere, Terra e Marte) rispetto ai suoi vicini di asteroidi, ma è molto meno denso. Una delle somiglianze è un interno a strati, ma gli strati di Cerere non sono così chiaramente definiti. Cerere ha probabilmente un nucleo solido e un mantello fatto di ghiaccio d'acqua. In effetti, Cerere potrebbe essere composto fino al 25% di acqua. Se questo è corretto, Cerere ha più acqua della Terra. La crosta di Cerere è rocciosa e polverosa con grandi depositi di sale. I sali di Cerere non sono come il sale da cucina (cloruro di sodio), ma sono fatti di minerali diversi come il solfato di magnesio.
La sua caratteristica è che è l'unico che non si trova nella Cintura di Kuiper, ma piuttosto nel sistema solare interno nella fascia di asteroidi tra le orbite di Marte e Giove. Scoperto nel 1801, fu considerato un pianeta per un anno e poi un asteroide, il primo del suo genere fino a quando fu classificato come pianeta nano nel 2006.
 

Caratteristiche di Cerere

Non ha lune o anelli e gli scienziati credono che sia anche privo di una magnetosfera.
Dal 1802 al 2006 è stato considerato il più grande asteroide nel sistema solare.
Fu scoperto nel 1801 dall'astronomo italiano Giuseppe Piazzi, che gli diede anche il nome Cerere Ferdinandea.
Il nome fu cambiato in Cerere, la dea romana dell'agricoltura.
A differenza di altri asteroidi, Cerere è rotondo perché è abbastanza grande da consentire alla gravità di modellare la sua forma in una sfera.
La sua composizione si presta alla formazione della vita come la conosciamo. Le sue prospettive di vita sono positive.
Alla ricerca di una stella, l'astronomo italiano Giuseppe Piazzi inciampò nel 1801 su quella che credeva fosse una cometa. Più tardi, con l'aiuto di un altro astronomo, ha capito di essere di fronte a un vero e proprio pianet che decise di chiamare Cerere Ferdinandea.  Il nome cambiò poi in Cerere in onore della dea romana del raccolto e dell'amore materno.
Distanza, formazione e dimensioni
Situata nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove, Cerere comprende un terzo di tutta la massa trovata nella cintura degli asteroidi.  Si trova a poco meno di 2,8 unità astronomiche di distanza dal Sole e quindi riceve la sua luce in circa 22 minuti, ed è a circa 3,5 unità astronomiche di distanza dalla Terra, la luce impiega quindi 29 minuti per arrivare a noi da Cerere. È il 33 ° corpo più grande del Sistema Solare nell'orbita di Nettuno.
Cerere si stabilì nella sua posizione attuale tra il resto dei pezzi rimanenti di formazione planetaria. Un'altra teoria della sua origine afferma che Cerere fu effettivamente formato all'interno della Cintura di Kuiper prima di migrare più vicino al Sole attraverso varie grandi influenze gravitazionali.
Questa teoria ha un certo peso a causa della presenza di sali di ammoniaca rilevati nel cratere Occator di Cerere. Anche Cerere credeva che la formazione in condizioni più fredde rispetto alla maggior parte dei pianeti e degli asteroidi. 

Superficie di Cerere

Cerere è coperto da innumerevoli piccoli crateri giovani, ma nessuno ha un diametro superiore a 280 miglia (280 chilometri). Ciò è sorprendente, dato che il pianeta nano deve essere stato colpito da numerosi asteroidi di grandi dimensioni durante la sua vita di 4,5 miliardi di anni.
La mancanza di crateri potrebbe essere dovuta a strati di ghiaccio appena sotto la superficie. Le caratteristiche della superficie potrebbero appianarsi nel tempo se il ghiaccio o un altro materiale a bassa densità, come il sale, si trova appena sotto la superficie. È anche possibile che l'attività idrotermale passata, come i vulcani di ghiaccio, abbia cancellato alcuni grandi crateri.
All'interno di alcuni crateri di Cerere, ci sono regioni che sono sempre in ombra. È possibile che senza la luce solare diretta queste "trappole fredde" possano contenere ghiaccio d'acqua per lunghi periodi di tempo. In un recente studio pubblicato su Nature Communication, che vede coinvolto anche l’Istituto di astrofisica e planetologia spaziali dell’Inaf di Roma, vengono riportati i risultati di esperimenti di laboratorio che simulano gli ambienti fisici e chimici di Cerere, con l’obiettivo di comprendere meglio la sorgente dei minerali ammoniati sulla superficie del pianeta nano.Gli scienziati hanno osservato che a bassa temperatura (54 K) potrebbero innescarsi reazioni di scambio protonico tra fillosilicati e ammoniaca, portando alla genesi di minerali ammoniati. Lo studio ha rivelato la stabilità termica (300 K) e alle radiazioni dei fillosilicati ammoniati su una scala temporale di almeno circa 500 milioni di anniQueste indagini sperimentali confermano la possibilità che l'asteroide Cerere si sia formato in un luogo in cui il ghiaccio di ammoniaca sulla superficie sarebbe stato stabile. Tuttavia, non si può escludere la possibilità che il luogo di origine di Cerere si avvicini alla sua posizione attuale, e che abbia accumulato materiale ricco di ammoniaca in seguito. Questo esperimento propone un processo senza acqua in forma liquida e suggerisce un processo possibile non solo su Cerere ma anche su altri corpi che si trovano a temperature molto basse.
Atmosfera
Cerere ha un'atmosfera molto sottile e ci sono prove che contenga vapore acqueo. Il vapore può essere prodotto da vulcani di ghiaccio o da ghiaccio vicino alla superficie sublimante (trasformando da solido a gas).
Cerere è potenzialmente abitabile?
Cerere è uno dei pochi posti nel nostro sistema solare in cui gli scienziati vorrebbero cercare possibili segni di vita. Cerere ha qualcosa che molti altri pianeti non hanno: l'acqua. Qui sulla Terra, l'acqua è essenziale per la vita, quindi è possibile che con questo ingrediente e alcune altre condizioni soddisfatte, la vita possa forse esistere lì. Gli esseri viventi su Cerere, se presenti, sarebbero probabilmente microbi molto piccoli simili ai batteri. E mentre Cerere potrebbe non avere cose viventi oggi, potrebbero esserci segni che ospitasse la vita in passato. Altre sue caratteristiche essenziali sono quelle di non possedere nè anelli nè lune nè una magnetosfera.Curiosamente so no stati effettuati degli stubi per vivere non proprio sul Pianeta nano Cerere ma in orbita; se siete curiosi come leggete questo articolo.

Puoi avere il libro di Cosmo Academy e tante soprese mentre ti diverti con tutta la famiglia ai parchi divertimenti del Lazio